La prova del reato di guida in stato di alterazione psico-fisica per l’uso di sostanze stupefacenti

La prova del reato di guida in stato di alterazione psico-fisica per l’uso di sostanze stupefacenti

La Corte di Cassazione ha deliberato che il reato di guida sotto l’effetto di stupefacenti risulta integrato dalla concorrenza di due elementi: uno consistente nell’accertamento specialistico della presenza, nei liquidi fisiologici del conducente, di tracce di sostanze stupefacenti o psicotrope, l’altro, obiettivamente rilevabile dagli agenti di polizia giudiziaria, lo stato di alterazione.