L’ex legale rappresentante della società non risponde dell’omesso versamento dell’I.V.A.

L’ex legale rappresentante della società non risponde dell’omesso versamento dell’I.V.A.

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 42002 del 9 ottobre 2014, ha ritenuto che il giudizio di responsabilità per il reato di omesso versamento dell’I.V.A. non può fondarsi sulla sottoscrizione della dichiarazione fiscale, se al momento della scadenza dell’obbligo tributario il potere di rappresentare la società era in capo ad un altro soggetto. In altri termini, nel caso in cui il nuovo legale rappresentante, subentrato al precedente che abbia sottoscritto la dichiarazione fiscale, ometta il pagamento della risultante imposta, è inammissibile una responsabilità per il fatto del terzo in capo all’originario legale rappresentante per il reato di cui all’art. 10-ter d.lgs. 74/2000.